AMICI DI SAN FRANCESCO

Origine e organizzazione

ZaccariaDa sempre i frati Cappuccini hanno cercato di vivere il carisma della “fraternità” accanto ai poveri, vivendo le loro povertà e la loro umile condizione. Mentre li soccorrono nelle loro necessità materiali e spirituali, si dedicano con la vita, l’opera e la parola, alla loro promozione umana e cristiana (cf. Costituzioni dei Cappuccini 12,3-4).
Assieme ai frati hanno sempre collaborato numerose persone, spesso senza organizzazioni particolari. La diminuzione numerica dei frati e l’aumento dei collaboratori volontari hanno spinto alla costituzione dell’Associazione “Amici di S. Francesco”.
In data 15 febbraio 1999, per volontà dei superiori maggiori della Provincia Veneta dei Frati Minori Cappuccini, è stata costituita l’Associazione di volontariato “Amici di S. Francesco”.
Tale Associazione è stata iscritta al Registro Regionale Veneto delle Organizzazioni di Volontariato in data 17 febbraio 2000.
L’Associazione si dà un Consiglio Regionale, composto da cinque membri, due dei quali, per Statuto, devono far parte del gruppo dei “fondatori”. Viene rinnovato ogni tre anni.

Attività svolte

I volontari (giovani, pensionati, uomini e donne) svolgono una vera e propria attività di collaborazione e talvolta anche di supplenza laddove oggi non possono arrivare i frati: mense per i poveri o altre attività caritative; collaborazione all’attività missionaria; servizi alle chiese, ai conventi, ai campiscuola estivi; servizi per le fraternità stesse: cucina, sartoria, portineria, pulizie varie, piccole manutenzioni, ecc.
Per questo è fondamentale che i volontari sappiano non soltanto “fare”, ma anche “testimoniare” il nostro stesso stile di fraternità, di semplicità, di minorità.
L’attività di volontariato diventa per molti l’offerta di un dono che li aiuta a mettere se stessi e le proprie capacità al servizio degli altri.
Attualmente i volontari a Conegliano sono circa 30 e prestano aiuto presso la “Mensa dei poveri” dalle 10.30 alle 12.00.